freccetta Om Namah Shivaya

Semestrale di informazione dell’Herakhandi Samaj Italiano

Babaji è tornato!

» Herakhandi Family

Babaji è tornato! Il messaggio mi è arrivato sul telefonino alle 8 di una sera di Novaratri di autunno 2010, mentre ero nell’ashram, a Cisternino e un attimo dopo ero lì, abbracciata al primo devoto che ho incontrato, urlando e saltando di felicità.

 

Lo avevo sognato, avevo sognato che Lui sarebbe ritornato, e che il tramite sarebbe stato Muniraj e così è stato, la notizia è stata data dal Re del Silenzio che, per una volta, ha fatto un lungo discorso, una sera di Navaratri, dopo l’Arati, stupendo tutti, facendo sobbalzare il cuore di molti. Devoti di tutto il mondo hanno comunicato le loro speranze, le loro paure e i loro sogni e le hanno condivise sull’ International Haidakhandi Journal.

Dal numero 4 – estate 2011 leggo:

“Il mondo intero sta aspettando il ritorno di Babaji perché l’intero mondo sta aspettando il divino. Quando Babaji ha lasciato il corpo nel 1984, Shri Shatriji ha detto che mentre il mondo attraversa la kranti sarebbe troppo doloroso per il divino vederlo attraverso occhi umani… Il sentimento che pervade il mondo è di paura e ansia… Quando Babaji riapparirà il peggio della kranti sarà passato e questo sentimento di paura sarà superato. Il ritorno di Babaji significa il ritorno dell’amore e della speranza.” (Kharku)

Nilla Caddy, una devota tedesca, autrice del libro “Incontro con Babaji – Maestro dell’Himalaya”, aggiunge: “Ho una profonda fede che, ora che Babaji, il potere della Luce, si è manifestato, per coloro che amano Dio e servono Dio ci sarà solo il meglio. Sono convinta anche che presto il Nuovo Mondo si manifesterà. Babaji ci ha ripetuto molte volte: “Presto vedrete il Nuovo Mondo.” Questo, naturalmente, comporta una enorme cambiamento per il nostro mondo attuale. Che incredibile compito si trova ad affrontare Babaji, di condurre l’umanità alla Luce – la luce dell’amore, che non è nient’altro che la sua vera essenza, la sua dimora.

Quando Shri Muniraj ha annunciato che Babaji aveva preso una nuova forma, egli ha detto. “Babaji sta portando la rivoluzione.” Che profonda trasformazione dovrà avvenire, quanta distruzione sarà necessaria? Egli ci ha dato il Nome di Dio, l’Om Namah Shivaya, come protezione.

Durante il Navaratri di primavera a Herakhan, Shri Muniraj ha detto a me e al mio gruppo: “Dovrete vivere una vita semplice.”

Una vita semplice – che cosa significa?

essere grati per ogni respiro

rimanere con un sentimento di gratitudine e assaporare la libertà che essa dà, anche se, a livello materiale, molto ci sarà tolto

respirare in Dio, Babaji, e sperimentare che meno si ha a livello materiale, più si sperimenta il potere dell’amore e della luce interiore.

Che paure possiamo avere, se Babaji è qui con noi! Dovremo passare attraverso una fase di transizione, durante la quale la nostra fede e il nostro amore saranno messi alla prova, prima di sperimentare lo splendido Nuovo Mondo, il cui Dharma è:“Siate felici”

 

Lal Baba scrive solo: “Ritornare? Lui è qui! È dappertutto! È tutto!”

“Babaji ha detto una volta a Gora Devi”, ricorda Sarasvati (Rieferath) “che quando sarebbe ritornato sarebbe venuto in occidente. Un’altra volta Shastriji disse, con le lacrime agli occhi: “Il sole sorge sempre ad est – ma ora sorgerà ad ovest.” Muniraji ci ha detto che dobbiamo chiedere a Babaji di venire e mostrarsi.”

 

Anche Raghuvir ci esorta a chiamarLo:

“Shri Babaji ha insegnato ad alcuni yogi una preghiera per chiamarLo e Lui ha promesso di rispondere ad ogni richiesta sincera. Le prime frasi sono in hindi e poi si può continuare nella propria lingua:

Ao ao Bhole Baba Himalaya se ao

Bhole Baba Ti chiamo dall’Himalaya

Ao ao Bhole Baba mera hriday me ao

Bhole Baba Ti chiamo nel mio cuore

Kripa karo tumara bhakton se.

Abbi compassione dei tuoi devoti.

Da qui si procede ad invitarLo nella nostra mente per purificare i nostri pensieri. Poi Lo si invita nei nostri occhi perché ovunque si guardi si veda il Divino. Lo si chiama nelle nostre azioni, così che ogni azione diventi karma yoga nel Suo nome. Lo si invoca e Lo si loda e Gli si chiede di venire e prendere possesso del Suo asana a Herakhan. Poi si completa la preghiera con ciò che custodiamo nel cuore…

Prepariamo anche i Suoi ashram in tutto il mondo. Rendiamo questi luoghi, con il Suo aiuto e la Sua ispirazione, splendidi serbatoi della Sua luce dove le persone possono venire e prendere rifugio. Per il poco che possiamo fare, diamo il nostro contributo a questa grandiosa impresa che Egli è venuto a compiere. Egli si nutre del nostro amore e della nostra devozione, prepariamo una festa per Lui nei nostri cuori con la pratica sincera nella maniera in cui Lui e Shri Muniraj ci hanno insegnato.

Siate ispirati!!!”

 

Speranze, paure e sogni: volete contribuire alla discussione?

Scrivete ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Bhole Baba ki jai!

Giorgia